NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Giornata degli invalidi civili, domenica 13 ottobre

HPIM0016
«Ospitare a Bondeno l’appuntamento dell’Anmil (Associazione nazionale fra Lavoratori mutilati e invalidi del lavoro)  significa portare all’attenzione dell’opinione pubblica e di tutte le istituzioni il tema degli incidenti sul lavoro, che provocano ogni anno numerosi invalidi civili e un numero altissimo di “morti bianche”, sulle quali non possiamo fare finta di nulla e voltarci dall’altra parte». Il sindaco Fabio Bergamini farà, su questo tema, il suo intervento nel corso della Giornata annuale dell’Anmil, che si svolgerà domenica 13 ottobre a Bondeno. Con un programma che comincerà alle ore 10, con la S. messa che avrà luogo in duomo, per poi trasferirsi (alle ore 11) al centro polifunzionale di via Autieri, in zona via Fermi, accanto al bocciodromo comunale. Per la seconda parte della manifestazione, che prevede gli interventi di rito delle autorità. Oltre al sindaco Bergamini, parteciperà il presidente territoriale di Anmil, Alberto Grimaldi. I dati diffusi dalla stessa associazione parlano di 1.133 morti e 600mila infortuni sul lavoro, nel solo 2018. «Un dato di per sé indicativo – sottolinea Fabio Bergamini – perché in un Paese moderno e civile che si rispetti non si dovrebbe pensare di non rientrare a casa alla sera, per riabbracciare i propri familiari, partendo alla mattina per il lavoro». Invece, gli incidenti sul lavoro si verificano in tutti i comparti: dall’edilizia all’industria, dal petrolchimico all’agricoltura, senza dimenticare il settore terziario. L’evento di domenica vuole puntare i riflettore proprio su questo drammatico fenomeno. La scaletta prevede che la giornata si concluda con la consueta cerimonia di consegna dei distintivi di “merito” dell’Inail.
Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn