NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Implementazione orari e servizi della biblioteca "Meletti" dopo il 18

Sala libri biblioteca logo

«Riteniamo di creare attorno alla nuova gestione della biblioteca “L. Meletti”

una cittadella della cultura, sviluppando un’offerta e una sinergia unica nel suo genere, vista la vicinanza con Spazio 29 e la Casa della Musica, ascoltando le esigenze di studenti e utenti». Il sindaco Fabio Bergamini presenta così il progetto di una “cittadella della cultura”, che utilizzerà le opportunità offerte da quella che viene semplicemente definita “esternalizzazione”. La nuova fase per la biblioteca partirà dal 1° agosto, formalmente, ma nella realtà inizierà a fare sentire i suoi effetti (in termini di rinnovo dei servizi) a partire dal 19 agosto, quando la biblioteca riaprirà dopo le ferie. L’assessore alla cultura, Francesca Aria Poltronieri, che ha presentato il progetto assieme al sindaco Bergamini, ed alla dirigente del settore socioculturale Paola Mazza, ricorda che la nuova gestione «avrà 40 ore di apertura, rispetto alle 31 precedenti, concedendo una maggiore flessibilità. L’archivio storico, il mercoledì e venerdì mattina (dalle ore 9,30 alle 12,30) metterà a disposizione materiale di studio, che andrà richiesto direttamente nelle giornate di apertura all’archivista della cooperativa sociale Le Pagine, e che potrà poi essere visionato negli orari di apertura. «Si lavorerà anche sulla didattica d’archivio per le scuole – assicura Poltronieri – che potrebbe essere programmata per il prossimo anno, nell’ambito dei progetti “Scuola in Comune”». Il servizio bibliotecario conta già alcune sezione speciali: la storia locale, la sala ragazzi e “Docsì”, che racchiude i materiali che documentano il sisma. «Gli operatori saranno due più un archivista – rivela la responsabile del servizio biblioteche de Le Pagine, Piera Fiorito –. Le Pagine continuerà a proporre attività laboratoriali e ludico-ricreative durante l’anno, con un’implementazione dell’offerta. Non sarà un semplice servizio di prestito libri, ma uno spazio aperto a chiunque, a dispetto del grado di istruzione, come stiamo facendo nelle 50 biblioteche che stiamo gestendo tra Lombardia, Veneto, ed Emilia-Romagna. Non è un concetto di “biblioteche di conservazione”, quello che stiamo perseguendo, bensì un luogo di cultura che non bada solo alla conservazione del patrimonio librario, ma alla valorizzazione delle potenzialità delle persone». Insomma, dopo le ferie i cittadini potranno scoprire un servizio nuovo, in divenire, poiché «ancora parzialmente di transizione – sottolinea Poltronieri – in quanto intendiamo intercettare i bisogni dell’utenza. Con l’inizio dell’autunno, andremo a sviluppare un orario che offrirà molte più opzioni al pubblico, sviluppando una sinergia maggiore con le associazioni del territorio (ad esempio, Associazione Bondeno Cultura, Auxing e La Locomitva)». La “nuova” biblioteca “L. Meletti” sarà aperta, secondo il calendario estivo, tutti i giorni (ore 9-13 e 14,30-18,30), con l’eccezione del lunedì mattina (apertura solo dalle 14,30 alle 18,30) e del sabato pomeriggio (il sabato il polo bibliotecario osserverà un’apertura programmata dalle 9 alle 13).

conf stampa le pagine tt

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn