Manovre di disostruzione pediatriche: incontro al 2000 il 27/10

170314 RIDcomitato cri cento bondeno

Sapere agire con tempismo e nel modo corretto, in molti casi, può salvare la vita. Parte con questo incipit l’edizione 2018 di questo percorso di prevenzione, incentrato sulle manovre di disostruzione pediatriche e che è stato denominato: “Proteggi i bambini, costruisci il futuro!”. Un evento che si svolgerà sabato 27 ottobre (ore 16) alla sala 2000 di viale Mattaotti e che è aperto a tutti (gratuitamente), grazie all’impegno del comitato Bondeno-Cento della Croce Rossa Italiana. «Periodicamente – spiega l’assessore alla scuola, Francesca Aria Poltronieri – promuoviamo iniziative come quella organizzata dalla Cri, che ringraziamo. Si tratta di apprendere, attraverso lezioni interattive, le più elementari procedure per intervenire nel caso in cui possa andare un boccone di traverso o in cui dal bambino venga inghiottito un oggetto, portando al rischio di soffocamento. Queste manovre salvavita – dice Poltronieri – possono essere utili a tutti: insegnanti, genitori, nonni, ed anche a chi ha già frequentato un corso simile, per riaggiornarne le proprie competenze. Poiché è fondamentale, in molte situazioni, sapere agire con prontezza e nel modo giusto». Il corso portato avanti dai volontari della Croce Rossa Italiana è gratuito ed è stato patrocinato dal Comune. Si svolgerà a poca distanza da un altro corso, stavolta aperto ai più piccoli: “Bimbi chef”, che introdurrà in modo creativo i giovanissimi all’educazione alimentare (a Spazio 29). Per l’evento sulla disostruzione pediatrica in programma alla sala 2000, invece, è necessario comunicare la propria adesione, contattando il numero: 320-4343849 (Fausto Pirani), oppure le mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn