NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Labirinti di Vittorio Vecchi, in Pinacoteca dal 22 settembre

Labirinti Vecchi logo

"Labirniti" di Vittorio Vecchi. A distanza di qualche anno dalla scomparsa dell’artista Vittorio Vecchi un esame più attento dell’ultima sua produzione (numerose le opere dell’anno 2011-2012, realizzate in un tempo breve e con lavoro febbrile, quasi presago del venir meno del giorno) ha consentito di individuare nelle 10 tele, per la prima volta ora esposte, un unicum, un insieme indivisibile, a tema, che rimanda ad un percorso esistenziale personale: “Labirinto”, parola da sempre metafora della vita, del viaggio appunto.

Ed ecco, in una quasi ossessiva sequenza di numeri, i titoli: Labirinto uno, due … dieci.

Inseguendo flashback di disordinati ricordi, spesso di difficile   lettura,     suggestioni letterarie,   trasposizioni visive del mito antico, rivisitato con sguardo lieve, benevolo, quasi ad esorcizzarne il drammatico significato originario, Vecchi ci conduce all’interno di percorsi misteriosi che l’hanno visto protagonista  o  spettator e curioso  ma sempre affascinato.

Percorsi  misteriosi,   come è giusto che sia,   poiché  l’artista non  vuole invitarci a penetrare  il 

proprio  inconscio   ma a seguire   il   filo  di   Arianna,   che   ogni   tela  ci   offre   per addentrarci,  

ognuno   col   suo  capo   in mano,   in  quel sorprendente intreccio che è  la nostra vita.

Al centro uno specchio per tentare di rispondere alle difficili domande celate nei QRcode, al centro un cuore, messaggio d’amore in cui ritrovare noi stessi ed uscire, più     forti, dai lacci, a volte troppo stretti, dell’esistenza.        Perché nel labirinto non ci si perde mai … forse.

Questo ci dicono anche i due Totem posti all’inizio del percorso: colorati e dissacranti, mostrando l’inutilità dei poveri idoli del vivere quotidiano, suggeriscono di sorridere delle nostre paure e ce ne affrancano. (Marilena Martelli).

LOCANDINA 45X32 VITTORIO VECCHI web

Esposizione a cura del Comune di Bondeno Assessorato alla Cultura e Associazione Bondeno Cultura

presso la Pinacoteca Civica “Galileo Cattabriga” in Piazza Garibaldi 9 a Bondeno.

Dal 22 settembre al 21 ottobre 2018, visitabile nelle giornate di sabato, domenica e di fiera.

In mostra dieci dipinti su tela di dimensioni  40x40 cm.  recentemente individuati che rappresentano labirinti e due grandi sculture totem in legno colorato.

INAUGURAZIONE 22 SETTEMBRE ALLE ORE 17,30.

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn