Lucrezia Borgia e il suo tempo

Ritratto di Lucrezia Borgia

Domenica 2 settembre a Stellata di Bondeno, presso i locali del Museo Archeologico "G. Ferraresi", si terrà la terza edizione di "La storia siamo noi", giornata di incontro e di studio delle associazioni culturali di Ferrara, Modena e Reggio che indagano e divulgano la storia locale.

Dopo il successo delle prime due edizioni, quella del 2016 che si tenne nel castello di Formigine e quella del 2017 ospitata dall'Istituto superiore di Studi Matildici nello splendido castello di Rossena, quest'anno l'associazione ospitante è Bondeno Cultura, che ha messo a disposizione gli spazi del Museo Archeologico di Stellata.

La novità della terza edizione risiede nel fatto che gli interventi dei relatori non sono più ad argomento libero, ma è stato dato un tema alla giornata e un titolo al convegno: Lucrezia Borgia e il suo tempo. In vista del 500° della morte di Lucrezia Borgia - nel 2019 - questa giornata di studi rappresenta una sorta di anticipazione degli eventi numerosi e importanti che si svilupperanno nell'arco del prossimo anno.

Le relazioni cominceranno alle 10 della mattina e si concluderanno alle 17,30. Il convegno sarà interrotto dalla pausa pranzo durante la quale i partecipanti potranno approfittare della concomitante Sagra dell'Anatra, giunta alla 559ª edizione, che vanta un'origine riconducibile al periodo rinascimentale, e gustare piatti che propongono l'anatra cucinata in tutti i modi possibili.

L'evento è promosso da Bondeno Cultura e da Bondeno e Identità e gode del patrocinio e del supporto del Comune di Bondeno, della Pro Loco di Stellata, del Gruppo Archeologico di Bondeno, della Parrocchia della natività di Maria e di ARC Stellata '97.

Alla mattina, dalle ore 10, si succederanno quattro relatori:

Daniele Biancardi (Ferrara) - Lucrezia e la Ferrara del suo tempo

Emanuela Marinelli (Nonantola) - Lucrezia Borgia e il territorio nonantolano

Francesco Corti (Bondeno) - Arte e letteratura ai tempi di Lucrezia Borgia

Federica Badiali (Scoltenna) - Il disenare del sabbato in nave. Lucrezia tra la corte estense e le terre di bonifica

Al pomeriggio i lavori riprenderanno alle ore 15 e saranno proposti gli interventi di altri quattro relatori:

Massimiliano Righini (Bassa modenese) - La cinquedea. Arma di principi, nobili e soldati

Gabriele Fabbrici (Brescello) - Gli ebrei nel brescellese e nella bassa panura reggiana nel XV secolo

Antonio Rangoni (Correggio) - La musica nella corte di Ferrara fra il XV e il XVI secolo

Roberta Iotti (Modena) - Il triste destino ottocentesco di Lucrezia Borgia

Le associazioni che hanno aderito all'iniziativa sono:

Accademia Lo Scoltenna, Accademia di Studi Storici Brig di Brescello, Amici di San Michele di Sassuolo, Associazione di Storia Locale “E. Zanni” di Formigine, Centro Diocesano di Studi Storici “Mons. Francesco Milani” di Marola, Centro Studi Castellarano, Centro Studi Storici Nonantolani, Centro Studi Storici Solieresi, Deputazione di Storia Patria di Ferrara, Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi,  sezione di Reggio, Ferrariae Decus, Gruppo Studi Bassa Modenese, Il Frignano dei Montecuccoli, Istituto Italiano dei Castelli, sezione Emilia Romagna, Istituto Superiore di Studi Matildici, Scandiano e Identità, Società di Studi Storici di Correggio, Società Reggiana di Studi Storici, Terra Friniate, Terra e Identità, Vignola e Identità.

L'ingresso è libero e gratuito. Le relazioni della giornata, arricchite da ulteriori contributi, saranno raccolte in una pubblicazione.

Per informazioni: 389 8348934, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn