Parte il 2/4 al 2000 L'Aprile Capuzziano

Aprile Capuzziano logo

Ritorna l’evento che celebra l’arte in ogni sua forma: musica e pittura si fondono in un unicum per dare vita alla travolgente e magica atmosfera della quarantesima edizione dell’Aprile Capuzziano. «La rassegna di musica lirica e classica – illustra il vicesindaco con delega alla promozione del territorio, Simone Saletti – celebrata in memoria del noto pittore ferrarese Mario Capuzzo, al quale è dedicata una sala all’interno del centro 2000, che ospita come tradizione la manifestazione. Quattro le giornate dedicate a questo fascinosa kermesse culturale, a partire da lunedì 2 aprile (giorno di Pasquetta), con la prestigiosa Orchestra a plettro “Gino Neri”». La quale, con i suoi diciassette elementi diretti dal maestro Giorgio Fabbri, si propone di divulgare non solo il repertorio lirico-sinfonico più tradizionale, ma anche quello di musica originale, con particolare interesse ai compositori del XX secolo.

Con più di 120 anni di attività, l’Orchestra Gino Neri si afferma con continuità come presenza sul territorio, mediante l’esecuzione di quasi mille concerti e la pubblicazione di 10 Cd tratti da un vasto repertorio di oltre 400 composizioni manoscritte. Il livello di eccellenza è testimoniato dai molti concorsi vinti durante la propria lunga storia e dalle numerose tournée effettuate in tutto il mondo: in Francia, Belgio, Olanda, Romania, Bulgaria, Cecoslovacchia, ex-Jugoslavia, Svizzera, Germania, Tunisia, Russia, Galles, Spagna, Stati Uniti e più recentemente in Giappone.
Una grande apertura, dunque, per questa edizione dell’Aprile Capuzziano che proseguirà nelle giornate di domenica 8, 15 e 22 aprile, sempre alle ore 15,30, con molte altre prestigiose personalità del panorama lirico per omaggiare il talento e la persona di Mario Capuzzo. L’evento è sostenuto dal Comune e patrocinato anche dall’Associazione “I suoni d’Irlanda”, Unicef e Lions Club.

locandina capuzziano 2018 versione ridotta web

 

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn